Risultati della campagna 2020


In un anno fin troppo ricco di prove e sfide da superare, di fronte a una crisi che ha richiesto e fatto emergere le migliori energie di tutti, la decima edizione ha fatto la propria parte riempiendo questi mesi di sospensione e difficoltà con oltre 18.000 attività tra storie, personaggi, ispirazioni e iniziative registrate in banca dati. Più di 5.000 organizzatori provenienti da tutta Italia e anche dall’estero hanno coinvolto fino a 4.683.250 milioni di persone nella campagna. Anticipando l’inizio delle attività dal 23 aprile al 16 marzo e prolungandole dal 31 maggio fino al 31 ottobre con la sezione extra Oltre Il Maggio dei Libri, la campagna ha abbracciato la comunità dei lettori di oggi e di domani offrendo nuovi spazi digitali nei quali preservare la vitalità di incontri, dibattiti, condivisioni, e nuovi contenuti e iniziative corali in difesa di una socialità culturale capace di trovare sempre una via per resistere e perseverare.

La classifica delle regioni più attive ha visto al primo posto il Lazio (4.721), seguito da Lombardia (2.845) e Sicilia (1.579), a riprova ancora una volta di quanto la campagna sia radicata in tutta la Penisola. Seguono: Umbria (1.281), Puglia (1.068), Veneto (1.029), Emilia Romagna (1.010), Toscana (986), Campania (826), e Abruzzo (693).

Il podio delle tipologie di organizzatori più partecipi alla campagna ha visto sul gradino più alto biblioteche e mediateche (1.736, il 34,3% del totale), seguite da scuole e direzioni didattiche (814, il 16%) e associazioni di volontariato (461, il 9,1%).

  • 233